lunedì 15 maggio 2017

Segnalazione librosa: Margot

Buon pomeriggio, lettori!
Una nuova settimana è appena iniziata e, non so se da voi è così, ma il caldo mi ha già raggiunta, togliendomi tutte le forze e facendomi rimpiangere i giorni di freddo ormai lontani.
Oggi voglio presentarvi un titolo molto interessante, un romanzo storico che tratta di un tema molto conosciuto e particolare, la caccia alle streghe, e che spero attiri la vostra attenzione. Scopriamo insieme Margot di Monika M.


Autore: Monika M.
Casa editrice: Pubme
Genere: Romanzo storico
Formato: Cartaceo / Ebook
Numero pagine: 212
Data di pubblicazione: 5 aprile 2017
Prezzo: 11.04€ (cartaceo) / 1.49€ (ebook)  Link d'acquistoAMAZON
Trama: Margot nasce nella Baviera del 1600 scossa dall'Inquisizione. Più volte l'accusa di eresia sfiorerà la sua giovane vita, ma mai la paura l'avrà vinta sul suo temperamento ribelle. Se esser libere rende le donne streghe lei rivendica per sé questa condizione! Ostinata lotterà per la sua indipendenza ed ancor più per il suo unico amore.



Anno Domini 1592, Baviera.

In un'epoca in cui l'accusa di eresia era diffusa più del pane, molte donne si convinsero di esser Streghe. I motivi erano di diversa origine e natura, alcune dettate unicamente da allucinazioni per via delle sostante assunte consapevolmente e non, altre indotte da ignoranza o semplice fanatismo.
L'antica conoscenza medica che ogni donna custodiva in sé divenne motivo di accusa in una società in cui i monaci miravano a detenere non solo il controllo della salvezza delle anime, ma anche del corpo. Essere erboriste o levatrici era già un indizio di stregoneria e nella Germania sconvolta dai roghi dell'Inquisizione del 1600 la protagonista, Margot, nasce e cresce.
Sin dalla sua nascita ella verrà travolta dalla superstizione che nelle povere anime albergava. Il terrore della presenza del maligno che in dettagli corporei si annidava, deformazioni fisiche o semplici macchie sulla pelle, erano sufficienti ad indurre sospetto e condanna.
Tenace, curiosa e ribelle la bambina imporrà a se stessa il sapere come unica colpa per cui finire un giorno sul rogo, vivendo fuori da ogni conveniente tornaconto, amando colui che nessun'altra avrebbe voluto amare.
L'indulgenza, unico motivo di riscatto per poveri che conducevano una vita miserabile, rendeva l'accusa di eresia suprema perdizione non solo di questo mondo ma anche dell'altro e solo le menti più illuminate sfuggirono a quel controllo dettato dalla paura, Margot fu una di queste...

Nessun commento:

Posta un commento