lunedì 27 febbraio 2017

Orgoglio e Pregiudizio Story - Caratteristiche personaggi

Buon lunedì, lettori!
Avete trascorso un buon weekend all'insegna della lettura? 
Oggi sono felice di presentarvi la nona tappa della magnifica iniziativa Orgoglio e Pregiudizio Story, organizzata da Susy del blog I miei magici mondi, a cui ho partecipato con molto piacere.
Come sapete, ho avuto il mio primo mini blocco del lettore qualche settimana fa e questo progetto mi ha fatto ritrovare il piacere della lettura, ma soprattutto mi ha permesso di leggere un libro che era nella mia lista da anni e di cui rimandavo sempre la lettura. Che dire, sono rimasta veramente stupita da Orgoglio e Pregiudizio e dallo stile della Austen, ma ve ne parlerò meglio nella recensione.
Ora, invece, focalizziamo la nostra attenzione sui personaggi principali di questo romanzo e conosciamoli attraverso le caratteristiche con cui ci vengono descritti dall'autrice. 

Elizabeth Bennet


Elizabeth, secondogenita di Mr. e Mrs. Bennet, intelligente e brillante, è la protagonista principale del romanzo. E' una ragazza non ancora ventunenne, molto socievole e a tratti impertinente (dev'essere un vizio di famiglia), che non si illude con facilità, non si lascia mai mancare una battuta tagliente e riesce a godere della comicità delle cose. Molto amata dal padre, mentre sembra quasi detestata dalla madre, è la seconda sorella più bella delle cinque. Ha uno stretto rapporto con la sorella maggiore Jane, mentre trova immature, impertinenti ed ingenue le sorelle minori. 
Lei è l'unica a suscitare l'interesse di Mr. Darcy, un ricco gentiluomo dal carattere molto particolare, ma il loro amore non è affatto immediato.
Ho adorato Elizabeth per il suo modo di affrontare la vita e le situazioni più difficili, grazie alla sua capacità di non farsi intimidire di fronte a nulla e alla sincerità che dimostra verso se stessa e gli altri, ribellandosi ai desideri della madre.

Jane Bennet


Sorella maggiore e dal cuore d'oro, Jane è ammirata da tutti ovunque vada. A differenza di Elizabeth, lei è molto più sensibile e sentimentale, cerca sempre il lato buono nelle persone ed è molto dolce. Nonostante la sua innegabile bellezza, che la rende la più bella delle sorelle, non è affatto vanitosa, come sono invece le due sorelle minori, Lydia e Kitty. Sebbene riceva una delusione amorosa per la quale soffrirà molto, il destino ha in serbo per lei un bellissimo futuro.
Anche Jane l'ho trovata molto tenera e simpatica, decisamente più tranquilla e per bene della sorella, ma pur sempre un bel personaggio.

Fitzwilliam Darcy


E arriviamo al tanto discusso Mr. Darcy, l'uomo che ogni donna desidera - o così dicono.
Questo gentiluomo, anche se sulle prime non si direbbe affatto, oltre ad essere ricco è anche proprietario della tenuta di Pemberley, nel Derbyshire. Dai bei lineamenti e dal portamento signorile, Mr. Darcy nasconde un carattere sprezzante e orgoglioso, che lo porta ad essere spesso disprezzato dalle persone che ne fanno la conoscenza. D'altra parte, però, si rivela un amico fedele e un uomo onesto, capace di ammettere i propri errori e dai sani principi morali. Si innamora quasi subito di Elizabeth, che attira la sua attenzione per il modo in cui si comporta, trattandolo senza favoritismi, come invece altri sono soliti fare. A differenza di altri uomini che conosciamo durante la lettura, Mr. Darcy è molto sicuro dei propri sentimenti, sebbene non li manifesti così apertamente e con grandi discorsi come fa invece Mr. Collins.
Nonostante il suo caratterino, che lo fa risultare meno piacevole rispetto, per esempio, a Mr. Bingley, l'ho apprezzato e alcuni suoi gesti mi hanno fatto cambiare decisamente idea sul suo conto.

Charles Bingley


Questo ricco gentiluomo affitta una tenuta a Netherfield ed è per questo motivo che la famiglia Bennet ne fa la conoscenza. Diviso tra Londra, città in cui si reca per affari, e Netherfield, decisamente più rilassante e circondata dalla campagna, si presenta subito come un uomo piacevole, schietto e amichevole, capace di procurarsi simpatie ovunque vada. Si innamora di Jane, con cui instaura un legame in pochissimo tempo, ma purtroppo viene ingannato dall'amico, Mr. Darcy, ed è costretto ad allontanarla e a lasciare Netherfield per un anno.

George Wickham


Figlio dell'amministratore del padre di Mr. Darcy e amico sin dall'infanzia di Mr. Darcy, riesce ad ottenere un beneficio economico alla morte del padre di quest'ultimo, di cui aveva ottenuto la simpatia, promettendo di diventare pastore di un'importante parrocchia una volta presi i voti.
Purtroppo cambia idea e decide di iscriversi all'università di legge, chiedendo i soldi all'amico, ma si ritrova ben presto senza un soldo. Tenterà più volte di chiedere altri soldi a Mr. Darcy, ma quest'ultimo taglierà ogni ponte con lui. Insomma, si può dedurre che, oltre ad una spiccata capacità oratoria messa in atto con Elizabeth, a cui racconta le cattiverie subite dall'amico, si rivela anche un gran spendaccione e perdigiorno. 
Sebbene mi avesse dato un'impressione positiva, mi sono ritrovata ben presto a cambiarla, vedendolo sotto una luce diversa, così come capita ad Elizabeth.


William Collins


Cugino di Mr. Bennet, che alla sua morte erediterà la tenuta di Longbourn, è rettore del beneficio ecclesiastico di Lady Catherine, aristocratica zia di Darcy, altera e autoritaria. Purtroppo per lui, è dotato di scarsa intelligenza e di un carattere molto debole e ciò lo porta a non essere affatto sicuro dei sentimenti che prova verso Elizabeth e, successivamente, verso la propria moglie, ma soprattutto a venerare incondizionatamente Lady Catherine e a mantenere un'alta reputazione.
Che dire, l'ho trovato un personaggio noioso e senza spina dorsale, che non si trattiene mai dal proferire scuse o complimenti, risultando fin troppo insistente.


Nel romanzo ci sono tantissimi altri personaggi, ma ho preferito presentarvi quelli principali, che hanno un ruolo molto importante nella storia. Vi parlerò meglio delle mie preferenze e di chi mi ha fatto alzare gli occhi al cielo nella recensione, che troverete presto sul blog.
Spero che questa tappa di Orgoglio e Pregiudizio Story vi sia piaciuta. Se ancora non avete letto il romanzo, vi consiglio caldamente di recuperarlo perché è davvero bellissimo. Se lo avete già letto (e riletto), non dimenticatevi di farmi sapere cosa ne pensate, quali personaggi vi sono piaciuti di più e quali, invece, non siete riusciti a sopportare.

Prima di lasciarvi, vi lascio il calendario con tutte le tappe, passate e future, che vi consiglio di leggere perché sono davvero interessanti e vi permetteranno di conoscere meglio questo capolavoro di Jane Austen, anche per coloro che ancora non l'hanno letto e magari sono curiosi.
Inoltre, chi avrà seguito e commentato tutte le tappe potrà vincere una copia digitale del romanzo!


Miei cari lettori, è giunta l'ora di salutarci!
Non perdetevi la tappa di domani, dedicata alle citazioni più belle del romanzo, sul blog Sogni d'inchiostro.

6 commenti:

  1. Che magnifica analisi dei personaggi Silvia!
    Hai centrato perfettamente tutte le caratteristche dei persoanggi e adesso sono più che ansiosa di leggere la tua recensione.
    Sono felice che il libro ti sia piaciuto e che nonostante il poco preavviso, tu abbia deciso di partecipare a questo progetto, grazie per la tua disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Susy ❤
      Sono felice di aver partecipato a questo meraviglioso progetto, il romanzo l'ho trovato davvero bellissimo e non vedo l'ora di parlarne qui sul blog!

      Elimina
  2. Silvia, hai scelto proprio i giusti personaggi da analizzare! Devo dire che oltre a Lizzie la mia preferita è di certo Jane, anzi l'ammiro per la sua nobiltà d'animo anche se a volte credo sia davvero troppo buona. Complimenti per il post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annamaria, ti ringrazio ❤
      Anche io ho adorato Jane, è davvero una ragazza dolce e affettuosa, anche se certe volte è davvero troppo buona - anche quando gli altri non lo meritano!

      Elimina
  3. Che bella questa analisi dei personaggi! L'ho letta tutta d'un fiato! D'altronde, io e Jane Austen abbiamo ormai un rapporto di amicizia di vecchia data! Orgoglio e Pregiudizio è il mio secondo romanzo preferito della Austen, il primo è senza ombra di dubbio Persuasione: bello, tagliente, romantico, con personaggi a dir poco perfetti! :D Se vorrai continuare le letture della Austen, te lo consiglio! ;) E vedrai che Darcy sarà presto sostituito dal Capitano Wentworth! ;) Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Duille ❤
      Assolutamente sì, ora che ho conosciuto la bellezza di questo romanzo, non voglio assolutamente lasciarmi sfuggire gli altri lavori della Austen *-*
      Ho sullo scaffale Ragione e sentimento, ma mi annoto subito Persuasione, grazie mille per il consiglio!

      Elimina