domenica 25 dicembre 2016

3 tipologie di non-lettori che non sopporto

Buona domenica e buon Natale a tutti voi, cari lettori!
Nonostante sia festa e io mi stia godendo il pranzo, alias grande abbuffata, con la mia famiglia, non poteva mancare l'appuntamento mensile con la rubrica librosa più chiacchiericcia del blog.
Ho pensato e ripensato a quale argomento proporvi, i consigli li rimando all'anno nuovo, poi mi sono detta che non sarebbe male chiedere - anche se un po' in ritardo, lo so! - al caro vecchio Babbo un piccolo regalo che farebbe vivere meglio la lettrice che c'è in me.
Oggi condivido con voi 3 tipologie di non-lettori che non sopporto e da cui cerco di stare il più alla larga possibile. 


1. Ma cosa leggi i libri, tanto è meglio il film!
Questa è una delle frasi che più mi fa innervosire e spesso devo contare fino a mille per non rispondere male a chi l'ha appena pronunciata. Capisco che non a tutti possa piacere la lettura, però mi sembra un po' da presuntuosi dire, senza ombra di dubbio, che qualsiasi film tratto da un libro è meglio di quest'ultimo. Chi pronuncia questa frase, poi, vuole trasmetterci un messaggio, una domanda, ben più profondi, che ogni lettore riesce a cogliere perfettamente: perché perdi tempo a leggere libri?
Ed è forse questa l'aspetto che mi fa più arrabbiare. Come puoi, tu, persona che si rifiuta di leggere anche la più piccola cosa e il cui vocabolario è ridotto al minimo sindacale, dire che leggendo si perde tempo? Se lo pensi, non posso farci nulla, ma le tue motivazioni ti assicuro che non reggeranno.

2. Ah, siamo in una libreria?
Questa è una tipologia che ho scoperto solo di recente, in prossimità del Natale, quando tutti si organizzano e vanno a fare compere. Ero in libreria, girovagavo tranquillamente tra gli scaffali e le sezioni alla ricerca di qualche titolo interessante, e all'improvviso mi ritrovo ad ascoltare una conversazione telefonica che mi ha lasciata allibita. La ragazza al telefono stava dicendo alla persona all'altro capo - presumo sua madre - dove si trovava e la frase che mi ha lasciata più spiazzata è stata Sì, siamo qui in questa libreria, non do bene dove, si chiama *** o qualcosa del genere.
Voi vi starete chiedendo cosa c'è di strano, magari non si ricordava il nome della libreria, ma il fatto è che nella mia città c'è solo una libreria, quella. 
Si poteva notare benissimo che la ragazza in questione - e compagnia di amici pure - non erano lettori e, sinceramente, non sapevano nemmeno dove e cosa cercare. Prima di continuare la mia ricerca, ho solo pensato Povera persona lettrice!

3. Ho letto Il trono di spade di Tolkien! No, veramente è di Martin...
Forse sarà capitato anche a voi di incontrare qualche non-lettore che si è imbattuto nella sua prima vera lettura: ha preso un libro, lo ha letto dalla prima all'ultima pagina e magari gli è anche piaciuto.
Che sollievo, direte voi, magari adesso si avvicinerà alla lettura! Sì, lo spero anche io, però il mio entusiasmo e la mia speranza vengono spezzati quando, parlando con il soggetto in questione del libro che ha appena concluso, afferma con convinzione l'autore, sbagliandolo totalmente.
Su certi libri, magari quelli di autori nuovi o non molto conosciuti, capisco che lo si possa ignorare, ma su quelli più famosi o i classici no - se non sei sicuro dell'autore e non vuoi causare un collasso al lettore che hai davanti, omettilo.


Queste erano le 3 tipologie di non-lettori che ho incontrato negli ultimi tempi e spero di non essere stata l'unica. Spero di avervi strappato un sorriso, fatemi sapere quali sono le vostre - sono molto curiosa!
Io vi saluto, vi auguro ancora una volta di passare un felice Natale e di mangiare tante cose buone, al prossimo appuntamento con Bookish Talk!

4 commenti:

  1. Come ti capisco ç_ç Sopratutto nella seconda. Mi capita di trovare persone che devono fare un regalo e vorrei tanto dire loro: no, non questo. Questo invece va bene.
    Da mettersi le mani nei capelli.
    E riguardo la prima categoria, stendiamo un velo pietoso. Mi fanno male interiormente. Ma poi, cosa fa nella vita la gente che non legge e che non ha passioni particolari?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vorrei dire loro di capire i gusti della persona a cui è destinato il regalo, prima di comprare un libro, poi naturalmente aiutarli nella scelta. L'unico pensiero, ogni volta, va al povero lettore che si ritroverà a scartare un regalo fatto senza cuore :(
      Guarda, non so cosa fanno le persone che non leggono e che non hanno passioni, spero solo di non diventare una di loro!

      Elimina
  2. Ooh quanto non sopporto la prima categoria di persone, come se leggere un libro fosse una perdita di tempo! Che poi non che non vedo film ma leggere è un'altra cosa ma decisamente la gente non lo capisce.
    Ah ah la seconda categoria non mi è mai capitata per fortuna direi,però ho riso molto mentre leggevo il tuo commento.
    Chi sbaglia il nome dell'autore è normale mha mi consolo almeno pensando che almeno leggono e spero in meglio la prossima volta.
    Un'altra categoria che non sopporto è chi dice: hai speso tutti questi soldi per un libro? come se spendere soldi per un libro fosse qualcosa di assurdo e invece bisogna spenderlo in un altro modo, ma saranno pure affari miei come vogliono spendere soldi no?
    Mha a volte chi non legge ma soprattutto chi non ama la lettura decisamente non capisce. E' proprio per questo che amo il blog dove ho potuto conoscere persone come te e come altri che capiscono la vera bellezza della lettura.
    Buone feste Silvia e molto bello questo post, mi sono un pò dilungata... spero non ti dispiaccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy ❤
      Non sai quante volte mi è capitato di incontrare qualcuno della prima categoria! Ogni volta devo contare fino a dieci e ripetermi di mantenere la calma. So che non tutti sono lettori, ma giudicare così le passioni altrui mi sembra un po' eccessivo.
      Ah, non hai mai incontrato qualcuno che si è magicamente reso conto di trovarsi in una libreria? Meglio così! Io l'ho incontrata alla Vigilia di Natale, un momento in cui i negozi erano molto affollati e la gente correva per fare gli ultimi regali - senza sapere cosa regalare, però!
      Sì, per chi sbaglia nome siamo buone: almeno ha letto un libro!
      Hai ragione, la categoria di chi fa i conti in tasca alla gente, che sbadata! Per fortuna non ne incontro tanti e anche se alcuni membri della mia famiglia non leggono, sono contenti che io spenda soldi in qualcosa di utile. Ognuno spende i propri soldi come meglio crede, le persone, però, troveranno sempre qualcosa di cui sparlare, purtroppo!
      Scusa il ritardo nella risposta, auguro anche a te di passare buone feste ❤

      Elimina