martedì 11 ottobre 2016

Share Your Blog: If you have a garden and a library

Buongiorno, miei amatissimi lettori, come state?
Io sono qui, con una tazza di caffè caldo di fianco, pronta per presentarvi l'ospite di oggi, perché sì, è martedì ed è tempo di una nuova intervista.
Non voglio dilungarmi oltre, ma anzi, lascio la parola alla dolcissima blogger con cui avremo il piacere di scambiare quattro chiacchiere, Antonella. Io la mia tazza di caffè ce l'ho già a portata di mano, prendete pure la vostra - o ciò che preferite - e mettetevi comodi, si inizia!



Il blog ha oggi il piacere di ospitare Antonella e il suo blog, If you have a garden and a library, a te la parola!

Ciao! Mi chiamo Antonella, ho 27 anni e vivo in provincia di Trento. Il mio blog, If you have a garden and a library, è nato un po' per sfida personale un po' per condividere la mia grande passione per la lettura. Sono presente nella blogosfera da quasi due anni e questa esperienza mi ha migliorata molto e mi ha permesso di conoscere persone incredibili che condividono con me la mia passione per i libri e che sopportano le mie piccole manie da lettrice compulsiva e accumulatrice.

1. La lettura è sempre stata la tua grande passione sin da bambina/o?
Direi proprio di no. Ho sempre letto, fin dalla tenera età, ma non era un'attività che mi entusiasmava. Ho sempre coltivato molte passioni e la lettura è entrata a far parte della mia rosa di passioni solo da sei-sette anni, prima era solo un passatempo saltuario. Negli anni della scuola non amavo leggere perché le letture che mi venivano assegnate non mi piacevano e tempo per letture di piacere ce n'era ben poco. Durante i primi anni di università, invece, mi sono innamorata della lettura perché mi permetteva di estraniarmi dal mondo universitario che tanto mi pesava (e che mi pesa tuttora). Praticamente ho iniziato a leggere in risposta ad un mondo e ad uno stile di vita che non condivido. In questo senso la lettura è stata la mia salvezza.

2. Se dovessi consigliare un libro ad una persona che non ama leggere, quale sceglieresti?
Dipende molto dalla persona perché siamo tutti diversi! Probabilmente consiglierei almeno una cinquina di titoli per permettere alla persona interessata di scegliere in autonomia, ma ancora meglio sarebbe aiutare la persona ad approfondire i propri gusti, senza dare titoli e autori, così che la scelta avvenga spontaneamente. Suggerire un libro a chi non legge credo sia un compito difficilissimo e molto rischioso, meglio andare in coppia in libreria e rigirarla come un calzino fino a che non si trova il titolo giusto.

3. Qual è il libro che senti talmente nel cuore tanto che potresti averlo scritto tu stessa/o?
Non vorrei sembrare troppo banale o romantica, ma mi sento di citare La meccanica del cuore di Mathias Malzieu perché è dolcissimo, delicato e magico. Più di una volta mi sembrava di leggere di me e ho letto moltissimi passi più e più volte, anche ad alta voce.

4. Quando hai aperto il blog hai agito d'istinto oppure era un progetto a cui pensavi da tempo? Cosa ti ha spinto a creare un blog tutto tuo?
Ci pensavo da tempo, ma l'ho aperto seguendo l'istinto, così, di botto. Mi sono alzata una mattina, ho acceso internet, mi sono messa al lavoro e la sera stessa ero online. Perché ho deciso di aprire un blog? Per mettermi alla prova, per dimostrami e dimostrare che posso fare qualcosa di buono, per esprimere le mie idee e me stessa, per essere meno timida.

5. Quale tipo di post adori scrivere?
Mi piace molto scrivere le recensioni (ovviamente!). Recentemente ho iniziato a documentare la mia esperienza con il Wreck this Journal e il risultato è una serie di post divertenti e colorati. E adoro i recap mensili perché posso parlare a ruota libera di me (cosa che all'inizio mi risultava molto difficile) e parlare di molte cose nello stesso post.

6. Recensisci tutti i libri che leggi, oppure solo quelli che ti sono piaciuti particolarmente?
Tendo a recensire tutti i libri che leggo, o almeno ci provo. Non recensisco i libri che mi lasciano indifferente o i racconti, mentre mi diverte recensire i libri brutti perché ne escono post molto spassosi.

7. Con quale criterio decidi di pubblicare prima un post e poi un altro?
Non sono una tipa da criteri. Cerco di farmi delle scalette, ma finisce sempre che pubblico quello che mi va di pubblicare quel giorno, senza criterio alcuno. Ci sono alcune rubriche con il loro giorno dedicato e di solito riesco a rispettarli, ma per il resto mi affido al caso.

8. Quanto è importante per te il commento dei lettori al tuo blog?
Importantissimo. Ogni volta che ricevo una notifica di commento mi sento appagata perché significa che qualcuno si è preso il tempo di leggere, riflettere e lasciare la propria opinione. Non mi dispero se nessuno commenta, ma ovviamente ricevere dei commenti mi fa piacere e mi permette di intavolare delle piccole discussioni sui temi trattati, confrontarmi con altri lettori e scoprire gusti diversi. Senza i lettori il mio blog non avrebbe scopo di essere, quindi ogni commento rappresenta un incitamento a continuare e fare sempre meglio.

9. L'ingresso nella comunità dei blogger è stato come te lo aspettavi, oppure ti ha sorpreso (in negativo oppure in positivo)?
La blogosfera è una specie di grande famiglia con alti e bassi, amicizie e inimicizie, successi ed invidie, vip e perfetti sconosciuti. Dopo il primo periodo durante il quale mi sembrava di essere in un mega luna park brillante e colorato, ho optato per restare un pochino ai margini, seguire chi fa un lavoro che mi piace, non paragonare quello che faccio a quello che fanno gli altri e vivere questa esperienza senza aspettative elevate o impossibili. La blogosfera per me è una valvola di sfogo e tale deve restare, non deve rappresentare uno stress e non voglio diventi una costrizione.

10. Secondo te quale sarà il punto di forza del tuo blog? In cosa vuoi differenziarlo dagli altri?
Spero che il punto di forza del mio blog sia e rimanga la mia spontaneità, la mia voglia di essere me stessa e di non costruirmi. Non mi interessa avere successo, mi basta condividere la mia passione e trovare qualcuno con cui condividerla. Differenziarlo dagli altri non è facile ma io vorrei continuare a farlo proponendo le mie letture, i miei gusti, la mia passione per i classici e le mie rubriche, sperando siano apprezzate e possano far trascorrere a chi mi legge cinque minuti piacevoli.


Eccoci giunti alla fine di questa piacevole chiacchierata con Antonella, che saluto e ringrazio moltissimo. Allora, siete curiosi di visitare il suo angolino? Io vi consiglio di darci un'occhiata - come sempre cliccando sul bannerino in alto -, non ve ne pentirete!
Noi ci leggiamo, come sempre, sabato con un nuovo appuntamento di Share Your Blog!


APPUNTAMENTI PRECEDENTI

5 commenti:

  1. Grazie mille per la possibilità, per lo spazio e per le belle parole introduttive!!
    A presto. Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille a te, è stato un piacere! ❤

      Elimina
  2. Io conosco già questo blog e posso dirlo, è splendido! Il punto di forza di Antonella è proprio la sua grande spontaneità, quando recensisce un libro ti immerge nella sua relazione con il volume, con la storia, con i personaggi, e così facendo ti da' un grande senso di familiarità e una mostruosa fame di lettura! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Sei sempre gentilissima!

      Elimina
    2. Hai proprio ragione, Duille!
      Seguire Antonella è sempre un piacere, la sua passione e la sua spontaneità ti coinvolgono fin da subito ❤

      Elimina