mercoledì 1 giugno 2016

Recensione film: Alice attraverso lo specchio

Buon inizio giugno, cari lettori!
Non so da voi, ma qui il tempo sta peggiorando, il sole è sparito dietro le nuvole e si prevede pioggia... Che bell'inizio per questo mese estivo!
I giorni passati sono stati pieni d'impegni e purtroppo mi sono assentata, ma sono finalmente tornata e porto con me una nuova recensione: si tratta di Alice attraverso lo specchio, sequel di Alice in Wonderland, uscito al cinema proprio nel mese di maggio.


Regia: James Bobin
Cast: Johnny Depp, Mia Wasikowska, Rhys Ifans e molti altri...
Genere: Fantastico
Durata: 108 minuti
Anno: 2016

Trama: Alice Kingsleigh ha trascorso gli ultimi anni seguendo le impronte paterne e navigando per il mare aperto. Al suo rientro a Londra, si ritrova ad attraversare uno specchio magico, che la riporta nel Sottomondo dove incontra nuovamente i suoi amici il Bianconiglio, il Brucaliffo, lo Stregatto e il Cappellaio Matto che sembra non essere più in sé. Il Cappellaio ha perso la sua Moltezza, così Mirana  manda Alice alla ricerca della Chronosphere, un oggetto metallico dalla forma sferica custodito nella stanza del Grand Clock che regola il trascorrere del tempo. Tornando indietro nel tempo, incontra amici - e nemici - in diversi momenti della loro vita e inizia una pericolosa corsa per salvare il Cappellaio prima dello scadere del tempo.

RECENSIONE


Dopo aver conosciuto i vari personaggi strampalati che abitano nel Paese delle Meraviglie ed aver seguito Alice in tutte le sue avventure, ci ritroviamo di fronte una donna che naviga per mari seguendo le orme del padre, scomparso tempo prima.
Tornata a terra, scopre il portale in grado di riportarla nel Paese delle Meraviglie: uno specchio.
Qui verrà accolta con grande affetto da tutte le creature, ma c'è un grave problema: il Cappellaio Matto ha perso la sua Moltezza e rischia di spegnersi. Toccherà dunque ad Alice viaggiare nel tempo per evitare la causa del problema e salvare il Cappellaio prima che sia troppo tardi.

Ho amato il primo film, diretto da Tim Burton sei anni fa, Alice in Wonderland, ed ero molto curiosa di scoprire che cosa avessero creato per questo sequel tanto atteso.
Sono andata al cinema senza aver letto alcuna recensione al riguardo e mi è piaciuto davvero tantissimo, direi quanto il primo.
Tornata a casa ho scoperto che tante recensioni erano negative e, per curiosità, le ho lette.
Prima di dirvi in cosa concordo e cosa invece mi è piaciuto del film, premetto che non ho letto il romanzo di Lewis Carroll, perciò mi baso solo su ciò che ho visto in sala.

Concordo con coloro che ritengono molto invecchiati gli attori, in particolare Mia Wasikowska (Alice) e Johnny Depp (Cappellaio Matto).
Purtroppo il tempo non si ferma per nessuno e anche per loro gli anni sono passati. Ho comunque adorato i costumi e la recitazione, fedele al film precedente, perciò ritengo il loro invecchiamento superfluo.
Altra critica mossa, ma con la quale non concordo, è quella verso l'attore Sacha Baron Cohen, un comico inglese nei panni del Tempo. Alcune battute divertenti affidate a lui, come anche al Cappellaio Matto, sono state ritenute inefficaci. Io non ci ho mai trovato nulla da ridere, non penso sia un film comico, ma ritengo siano semplicemente battute che riflettano l'indole dei personaggi. 
Queste erano solo due delle critiche che ho letto girovagando in Internet, ma potete leggere anche voi altre recensioni nel caso foste interessati.

Passiamo ora ai punti forti del film.
Ho apprezzato il fatto che venga mantenuto lo stile del primo film, non ho notato alcun distacco o grande cambiamento, l'ho trovato armonioso, un perfetto sequel.
I costumi sono come sempre magnifici e coloratissimi e l'uso della grafica a computer, molto visibile soprattutto nei viaggi nel tempo, non penso sia una grande pecca. La maggior parte del film è stato creato a computer e mi aspettavo cose del genere.
Parlando della storia in sé, mi è molto piaciuta. La visione scorre veloce, non annoia mai ed è intrigante, in quanto vengono svelati piccoli misteri piano piano.
Non posso non ricordare il blog tour terminato qualche giorno fa riguardante Alice nel Paese delle Meraviglie, durante il quale avevo scoperto tantissime cose interessanti. 
Il Cappellaio Matto penso possa essere in un certo senso l'alter ego di Carroll. Lo scrittore, oltre a dedicare il libro alla sua amica-bambina Alice Liddell, fu costretto a separarsi da lei quando si trasferì in un'altra città insieme alla famiglia.
Ho notato questa "coincidenza" nei personaggi nell'ultima parte del film, di cui naturalmente non vi svelo nulla, ma se lo avete visto o lo vedrete, capirete.

In conclusione, forse sarò la voce fuori dal coro, ma a me questo film è piaciuto moltissimo e ve lo consiglio. 
Provvederò a leggere il romanzo al più presto e sicuramente riguarderò questo film in futuro.


Voto
★★★★★

10 commenti:

  1. Neppure io condivido le critiche (in particolare quelle legate a Sacha Baron Cohen, che in questo film veste i panni del primo personaggio simpatico che io gli abbia mai visto interpretare...), e alla resa dei conti reputo il fatto che i due attori protagonisti siano un po' "cresciuti" in questi anni, come del tutto irrilevante...
    Il film mi è piaciuto molto, mi ha divertito alla grande, e mi ha stupito in più di un'occasione! Adorabile, insomma! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente con te!
      Acquisterò senza dubbio il DVD e, oltre a completare la serie in quanto ho già il DVD del primo, potrei rivederlo tantissime volte e godermi ogni volta la bellezza di questo film ^^

      Elimina
  2. Che bella recensione, Silvia! *.*
    Ti dirò, io non sono fan di Tim Burton, faccio molta fatica ad apprezzare le sue opere cinematografiche. Ho visto Alice in Wonderland che non mi era piaciuto molto, ma penso sia proprio una questione di gusto personale.
    Devo però ammettere che la tua recensione suscita parecchia curiosità: avevo deciso di non guardare affatto questo sequel, ora sono indecisa. xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sono felice che ti sia piaciuta! ^^
      Capisco, al contrario io vado pazza per Tim Burton e non mi lascio sfuggire i suoi film. Magari, se non sei sicura, aspetta a vederlo...
      Io lo consiglio molto, ma i gusti sono gusti!

      Elimina
  3. Belle parole per un film altrettanto bello ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso che parlarne bene di questo film, mi è piaciuto moltissimo! ^^

      Elimina
  4. L'ho visto proprio ieri sera: FA-VO-LO-SO!
    Neanch'io posso basarmi sui libri, perché non li ho letti, ma per quello che ho visto ... io trovo che questa storia sia assolutamente perfetta. E una volta tanto un sequel è persino meglio del primo film!
    Ho particolarmente apprezzato la maggiore analisi psicologica di tutti i personaggi che avevamo già incontrato, le loro luci e le loro ombre. Quindi in questo senso, ci sta benissimo una maturità visibile anche fisicamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te, il fatto che Alice sia cresciuta è in perfetta armonia con l'attrice che la interpreta.
      Anche a me è piaciuto molto il fatto che ci sia stata una maggiore analisi dei personaggi e le storie che nascondono, in questo modo si riescono a capire tante cose ^^

      Elimina
  5. Non sono ancora riuscita a vederlo :( ma spero vivamente di riuscire a farlo al più presto!!! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero ti piaccia!
      Poi, se ti va, fammi sapere cosa ne pensi ^^

      Elimina