martedì 8 marzo 2016

Recensione film: Il caso Spotlight

Buon pomeriggio, buona festa delle donne a tutte le fantastiche donne che seguono il blog e sì. sono tornata! La settimana scorsa è stata tutta incentrata sui libri e non ne potevo davvero più - figuriamoci a giugno! -, ma oggi posso dedicarmi un po' al blog. Nel weekend sono andata al cinema a vedere Il caso Spotlight e, come sempre, sono pronta per parlarvene.

Regia: Tom McCarthy
Cast: Mark Ruffalo, Rachel McAdams, Michael Keaton e molti altri...
Genere: Drammatico
Durata: 128 minuti
Anno: 2016

TramaIl caso Spotlight racconta la storia del team di giornalisti investigativi del Boston Globe soprannominato Spotlight, che nel 2002 ha sconvolto la città con le sue rivelazioni sulla copertura sistematica da parte della Chiesa Cattolica degli abusi sessuali commessi su minori da oltre 70 sacerdoti locali, in un'inchiesta premiata col Premio Pulitzer. Quando il neodirettore Marty Baron arriva da Miami per dirigere il Globe nell'estate del 2001, per prima cosa incarica il team Spotlight di indagare sulla notizia di cronaca di un prete locale accusato di aver abusato sessualmente di decine di giovani parrocchiani nel corso di trent'anni. Consapevoli dei rischi a cui vanno incontro mettendosi contro un'istituzione come la Chiesa Cattolica a Boston, il caporedattore del team Spotlight, Walter "Robby" Robinson, i cronisti Sacha Pfeiffer e Michael Rezendes e lo specialista in ricerche informatiche Matt Carroll cominciano a indagare sul caso. Via via che i giornalisti del team di Robinson parlano con l'avvocato delle vittime, Mitchell Garabedian, intervistano adulti molestati da piccoli e cercano di accedere agli atti giudiziari secretati, emerge con sempre maggiore evidenza che l'insabbiamento dei casi di abuso è sistematico e che il fenomeno è molto più grave ed esteso di quanto si potesse immaginare.


RECENSIONE


Vincitore del premio Oscar 2016 come miglior film e miglior sceneggiatura, Il caso Spotlight affronta un tema molto attuale, in cui è coinvolta la Chiesa cattolica.
Dopo l'arrivo del nuovo direttore, il caso di abuso sui bambini da parte di preti locali risalente al 1976 viene rispolverato e le indagini ripartono.
Nonostante alcuni articoli fossero già stati precedentemente pubblicati, il Boston Globe decide di raccogliere tutte le informazioni possibili per un articolo che faccia aprire gli occhi alle persone, che dimostri la realtà dei fatti.
Durante la ricerca e le numerose interviste, il team si scontra con i segreti dei vari avvocati che hanno difeso la causa e scopre quanto materiale fosse già stato inviato negli anni precedenti, a cui nessuno, però, aveva dato importanza.

Questo film narra la storia di un team coraggioso, che è andato contro tutti, soprattutto contro la Chiesa cattolica, pur di portare in superficie la verità. Una verità dolorosa, che fa arrabbiare. Nessuno dovrebbe vivere simili esperienze e per le vittime parlarne non è affatto facile.
Ho davvero apprezzato la determinazione dei giornalisti e il fatto che sia una cosa davvero accaduta mi fa credere che qualcuno che veda le cose come stanno e che voglia farle vedere anche a chi fa finta di niente c'è.
La storia scivola via velocemente, si seguono le ricerche da molto vicino e, anche se avrei preferito un pochino più di azione in certi punti, Il caso Spotlight è un film davvero interessante.
Lo consiglio a tutti, perché è un film che fa  aprire gli occhi e conoscere le cose per come stanno e per come si sono svolte veramente.


Voto
★★★★✰

2 commenti:

  1. Il caso Spotlight di per sé ha affascinato molto anche me (essendo un'amante del mondo del giornalismo) ma ad essere sincera non so se mi ha convinto totalmente. Ruffalo si riconferma sempre il migliore, la McAdams invece mi ha lasciata un po' dubbiosa.
    Un bacio
    Nothing but Chrissi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono affascinata dal mondo del giornalismo e in certi punti non ha convinto nemmeno me, per questo ho scritto che avrei messo un po' più di azione ^^

      Elimina