sabato 16 gennaio 2016

Recensione: Looking For Alaska

Buon pomeriggio e buon weekend a tutti, come state?
Qui splende un bellissimo sole, ideale per una lunga passeggiata in campagna, ma prima di tutto devo parlarvi del libro che ho appena terminato, Looking For Alaska (Cercando Alaska) di John Green.
La lettura è stata in lingua e per niente complicata. Detto ciò, inizio subito!



Autore: John Green
Casa editrice: Harper Collins
Genere: Romanzo
Numero pagine: 263
Formato: Cartaceo

Trama: Miles Halter, sedici anni, colto e introverso, comincia a frequentare un'esclusiva prep school dell'Alabama. Qui lega subito con Chip, povero e brillantissimo, ammesso alla scuola grazie a una borsa di studio, e con Alaska Young, divertente, sexy, attraente, avventurosa studentessa di cui tutti sono innamorati. Insieme bevono, fumano, stanno svegli la notte e inventano scherzi brillanti e complicati. Ma Miles non ci mette molto a capire che Alaska è infelice, e quando lei muore schiantandosi in auto vuole sapere perché. È stato davvero un incidente? O Alaska ha cercato la morte?


RECENSIONE


Alaska è una ragazza intelligente, divertente, bella e a cui piacciono gli scherzi e non può non essere notata da Miles Halter, il nuovo studente.
Chip, detto Colonel, Takumi, Miles e Alaska si uniscono in gruppo, progettando scherzi e andando contro le regole dell'istituto.
Ma proprio quando tutto sembra andare per il meglio, Alaska muore. Per il resto del gruppo il perché di un atto così terribile deve esserci e iniziano le ricerche. Incidente o suicidio?

A differenza di Colpa delle stelle, primo libro che ho letto di John Green e in cui la morte è presentata come un'attesa, in Cercando Alaska è del tutto improvvisa.
Il libro è diviso in due parti, Prima e Dopo e vi è anche il conto dei giorni precedenti e successivi la morte della ragazza.
Miles ci narra la storia in prima persona, permettendoci di conoscere i vari aspetti dei personaggi e degli ambienti.
Il sentimento del dolore prevale su quello dell'amore, che non sembra affatto una cosa profonda, nonostante Miles adotti un comportamento egoista durante la ricerca.
Si nota quanto la perdita di un'amica incida sulle vite dei compagni e del gruppo, a volte separandoli, a volte rendendoli più uniti.
In quasi tutto il romanzo è presente una domanda fatta dal professore di religione - Come uscire dal labirinto? - a cui i ragazzi devono trovare una risposta e la riflessione di Miles che porta ad essa l'ho trovata meravigliosa. 
La scrittura, in lingua inglese, l'ho trovata scorrevole e piuttosto semplice. I capitoli sono brevi e ciò mi ha portato a continuare con molta più voglia e piacere la lettura.


Voto
★★★★✰

8 commenti:

  1. Anche a me questo romanzo era piaciuto moltissimo, rispetto all'altra esperienza deludente con John Green e il suo Will ti presento Will!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Will ti presento Will non l'ho letto, sullo scaffale ho Teorema Catherine e Città di carta, spero non mi deludano! ^^

      Elimina
  2. Questo scrittore ha uno stile particolare che ancora non mi convince del tutto, questo libro sembra carino e complimenti per averlo letto in lingua originale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto sia in italiano, sia in inglese, spero possa convincere anche te ^^

      Elimina
  3. Avendo letto prima Colpa delle Stelle, ero partita con aspettative molto alte su questo libro e sono rimasta un po' delusa, non mi ha convinta fino in fondo. Le riflessioni contorte del protagonista mi piacevano anche, ma proprio il personaggio di Alaska mi ha infastidita per tutta la storia. Sono un po' indecisa se dare un'altra possibilità a Green XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho letto prima Colpa delle stelle e le storie sono abbastanza differenti. Alaska è un personaggio con cui ho avuto un rapporto di amore/odio per tutta la storia, non sono riuscita a creare un legame ben definito. Sicuramente leggerò gli altri due libri di Green che attendono sul mio scaffale, spero tu possa dare un'altra possibilità a questo scrittore! Ti consiglio di non leggere Città di carta subito perché dicono che è molto simile a Cercando Alaska... Io opterò per Teorema Catherine ^^

      Elimina
  4. Ciao Silvia ^^ Felice che questo libro ti sia piaciuto, anch'io l'ho adorato ed è probabilmente uno dei miei preferiti di Green *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho adorato sia Colpa delle stelle sia questo, non vedo l'ora di scoprire gli altri ^^

      Elimina