giovedì 21 gennaio 2016

Curiosity Time: Globe Theatre

Buonasera, miei cari!
Oggi voglio proporvi una nuova rubrica, di cui forse i più attenti di voi avranno già notato il titolo nell'apposita sezione.
Si tratta di Curiosity Time, letteralmente tempo di curiosità, in cui vi parlerò di tutto quello che riguarda un determinato scrittore, attore, luogo o progetto. Scriverò le cose che più mi hanno colpita e incuriosita del soggetto preso come tema della rubrica che, naturalmente, cambierà ogni volta.
Fatta questa mini spiegazione, addentriamoci nel mondo della recitazione e scopriamo insieme il Globe Theatre di Londra!

Il Globe Theatre attuale, anche chiamato Shakespeare's Globe Theatre e situato nel nord di Londra, ha una storia molto lunga che inizia nel 1599.
Proprio in questo anno fu costruito dalla compagnia teatrale a cui Shakespeare apparteneva e successivamente distrutto da un incendio.
Fu poi ricostruito nel 1614, chiuso nel 1642 e demolito nel 1644.
La struttura moderna del Globe Theatre è stata inaugurata nel 1999.

Storia & struttura

Il teatro era una struttura in legno, a forma ottagonale e presentava uno spazio aperto al centro utilizzato per far entrare la luce naturale.
Poteva ospitare circa 3200 spettatori e il prezzo d'ingresso, al tempo elisabettiano, era di 1 penny per i posti in piedi - poco vero? Dovreste fare i conti con il male dopo ore e ore in piedi - e di 2 penny per i posti a sedere nelle gallerie.
Gli spettacoli duravano tantissime ore, iniziavano di giorno e terminavano a sera inoltrata.
Ogni volta veniva appesa fuori dal teatro una bandiera che, a seconda del colore, indicava il tipo di opera in corso.

Recitazione, scenari & effetti speciali

Gli attori erano, al tempo, esclusivamente uomini e indossavano vestiti costosissimi, assolutamente da
riparare in caso di pioggia!
Essi erano molto vicini al pubblico, grazie al palco situato proprio di fronte a loro, posizionato molto più vicino rispetto a quelli moderni.
Il problema della recitazione si presentava al momento della conclusione: infatti spesso la fine era segnata dai personaggi che lasciavano il palco.
Ma questo non è tutto! Non essendoci pause durante lo spettacolo, i corpi morti dovevano essere rimossi manualmente, gli attori non potevano alzarsi ed andare via come succede oggi.
La scenografia era un altro punto zoppicante: a causa dell'assenza di scenari, le indicazioni agli spettatori erano date verbalmente - "Immaginate le spade che si preparano per la guerra" -.
Al centro del palco c'è una botola situata sotto il pavimento, usata per l'apparizione, per esempio, del fantasma del padre di Amleto.
L'uso di questo meccanismo può essere rumoroso, perciò sono spesso utilizzati suoni di tuoni e fiamme per distrarre gli spettatori e non far vedere loro il meccanismo sotto al palco.

Simbolo mondiale & attività

Il Globe Theatre è simbolo della britannicità in tutto il mondo ed è al centro di una fiorente industria legata al grande drammaturgo. Esistono veri e propri tour per visitare i luoghi emblematici di Shakespeare, tra cui vi è anche questo teatro.
L'attività teatrale si svolge da maggio a ottobre, in cui viene rappresentata almeno un'opera shakespeariana,
eseguita da attori uomini e con costumi dell'epoca elisabettiana.
I posti si sono di molto ridotti: 1600 persone complessive, 700 posti in platea.
Esiste una ricostruzione del Globe Theatre anche in Italia, a Roma, inaugurata nel 2003 e costruita in soli 3 mesi utilizzando legno di quercia come nell'originale!

Fonte: Wikipedia e materiale didattico



Qui si conclude questo primo appuntamento della rubrica Curiosity Time!
Conoscevate questo magnifico teatro? Io l'ho scoperto grazie al mio prof di inglese e sarà sicuramente una tappa che farò quando - prima o poi - visiterò Londra.
Se ci siete stati lasciatemi un commento, raccontatemi della vostra esperienza, delle vostre sensazioni e opinioni su tutto ciò.
In caso contrario, spero di avervi fatto conoscere un posto nuovo.
Vi do appuntamento al prossimo mese con una nuova curiosità!








8 commenti:

  1. Che bella questa rubrica! Io sono stata al Globe di Roma a vedere una commedia di Shakespeare: stavo seduta per terra nello spazio aperto, è stato bellissimo *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve essere molto bello anche quello di Roma, se mi capitasse di visitare la città farei tappa anche lì ^^

      Elimina
  2. Bellissima questa rubrica! Leggendo questi post mi sono tornate in mente le lezioni di letteratura inglese di terza superiore :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! ^^
      Io le sto facendo in questo periodo e ti dirò: non mi fanno impazzire, ma certe cose sono molto interessanti!

      Elimina
  3. Che meraviglia *.* mi hai regalato una splendida lettura su un argomento che amo. :)
    Sarebbe bello avere la possibilità di vivere gli spettacoli come a quei tempi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, vivere gli spettacoli, il tempo e i costumi di quegli anni sarebbe stupendo! :)

      Elimina
  4. Bellissima questa rubrica e hai scelto un teatro fantastico, ricco di storia =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sono felice che ti piaccia ^^

      Elimina