lunedì 28 dicembre 2015

Recensione: La canzone d'amore di Queenie Hennessy

Buon pomeriggio a tutti!
Siete sopravvissuti ai pranzi e cenoni natalizi o state rotolando in giro per casa?
Spero che abbiate passato un felice Natale e ora per me è tempo di riprendere l'attività con il blog, perché a breve apporterò tanti cambiamenti!
Vedo tantissimi recap dell'anno che sta per finire, chi scrive di obiettivi raggiunti e chi di obiettivi futuri. Adoro leggere i vostri propositi per l'anno nuovo e presto avrete anche voi occasione di leggere i miei.
Oggi però voglio parlarvi di un libro che recentemente vi ho nominato in ben due book tag, così finalmente capirete di cosa stavo parlando! Scrivere questa recensione non sarà affatto facile, ma spero ne salti fuori qualcosa di buono.

Autore: Rachel Joyce
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Genere: Romanzo
Numero pagine: 342
Formato: Cartaceo

Trama: Queenie Hennessy sa di non avere molto tempo, non vuole lasciare nulla in sospeso prima di andarsene e allora desidera salutare per l'ultima volta Harold Fry, l'uomo che è stato il suo migliore amico, il compagno di tutta una vita, almeno nel suo cuore.

Per questo gli ha scritto quel biglietto: un affettuoso messaggio di commiato, nulla più.
Ma quando scopre che Harold sta attraversando l'Inghilterra a piedi per salvarla e lei deve aspettarlo, rimane quasi stordita. La vita le sfugge rapidamente dalle dita, non ce la farà mai!
Il solo modo per ingannare la morte fino all'arrivo di Harold, Queenie lo capisce subito, è scrivere un altro messaggio, più lungo, più autentico: quello in cui gli confesserà tutto. Tutti i suoi segreti.
Tutti i suoi ricordi. E tutto il suo inesauribile, straordinario amore.
Sotto forma di lettera, tanto più profondo ed emozionante perché così totalmente vero, La canzone d'amore di Queenie Hennessy è un romanzo bellissimo fatto di coraggio, speranza e gioia, la storia di una donna unica, capace di un sentimento gratuito e infinito. E capace perciò di dare il valore più altro alla propria esistenza e a quella di chi ha amato.


RECENSIONE


Se ne L'imprevedibile viaggio di Harold Fry vi avevo parlato del punto di vista di lui, un uomo che si mette in cammino deciso a salvare la vita di questa donna, Queenie Hennessy, stavolta vi parlerò del punto di vista di lei.
Queenie Hennessy è una donna malata, costretta in una casa di cura, che aspetta l'arrivo di Harold Fry, l'uomo che ha sempre amato segretamente.
Durante l'attesa, decide di scrivere diverse lettere in cui confessa tutto ciò che gli ha nascosto negli anni. Pensieri, eventi che sono sempre stati rinchiusi dentro lei e a cui può finalmente dare voce.
Il lettore segue gli eventi a fasi alterne, per così dire. In qualche lettera Queenie parla al presente, narrando i fatti che accadono alla casa di cura, e in altre lettere confessa gli eventi passati, fino ad allora solo accennati.
I pazienti della casa di cura sono diversi e tutti unici, da Finty al Re dei bottoni, da Barbara a Mr. Henderson. In questo posto pieno di malati, anziani, suore e via vai di pompe funebri, Queenie riesce a farci sorridere narrandoci i fatti quotidiani che accadono. Non sono nulla di speciale, è vero, ma a volte sono così comici che sono scoppiata a ridere immaginandomeli.
Pagina dopo pagina scopriamo la verità su Harold Fry e la disgrazia che lo ha colpito. A svelarcela è lei, la persona che colpevole non è - che ci sia davvero un colpevole? - ma che si dà la colpa per tutto.
La lettura scorre veloce, le lettere danno nome ai capitoli e devo ammettere che il finale mi ha lasciata un po' stordita. Tutte queste pagine che ho potuto leggere sono state davvero scritte?

"Dopodiché scoprii che non è così facile soffocare l'amore. Non muore solo perché ci si è dati alla fuga. Non muore nemmeno quando si decide di ricominciare. Si può contemplare il Mare del Nord e vedere soltanto la Manica. Si possono guardare le dune di sabbia del Northumberland e rivedere quelle del Devon. Non ci possiamo sottrarre alla consapevolezza che il nostro amore è ancora vivo ed esige che noi ne facciamo qualcosa."


Voto
★★★✰✰

4 commenti:

  1. Sono molto ispirata da questa lettura =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio, naturalmente insieme al libro precedente, L'imprevedibile viaggio di Harold Fry ^^

      Elimina
  2. Ho davvero adorato questo libro! In alcuni punti mi ha addirittura commossa e, se devo essere sincera, mi è piaciuto più del primo! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me è piaciuto più questo libro, più scorrevole e vario!
      Io sono passata dalle risate all'essere confusa sul finale ^^

      Elimina