lunedì 2 novembre 2015

Recensione: Ascolta il mio silenzio

Buongiorno e buon lunedì a tutti!
Oggi per fortunatamente è giorno di riposo, infatti sono state sospese le lezioni, e posso andare con più calma nello studio e organizzare qualche post per il blog.
Vi propongo, per iniziare, la recensione di Ascolta il mio silenzio di L. Cassie.

Autore: L. Cassie
Casa editrice: Autopubblicato
Genere: Romanzo
Numero pagine: 144
Formato: Ebook

Trama: Succedono cose nella vita in grado di ferirci terribilmente, cose per le quali non sempre esiste una spiegazione. Accadono e basta. Jennifer, tutto questo, lo sa fin troppo bene. Sono passati quasi tre anni dal giorno in cui la sua vita è cambiata drasticamente. Nulla è mai più tornato come prima, nemmeno lei è la stessa di un tempo. Sì è chiusa a riccio, in un silenzio ostinato dal quale si sente protetta. In pochi sanno la sua storia, in molti la giudicano, la prendono in giro, l’allontanano.
Nessuno vuole una “sfigata” come lei nella propria cerchia di amici, come se frequentarla fosse la peggiore delle condanne.  Jennifer non può fare a meno di sentirsi di troppo, inadatta e fuori luogo. Si sente incompresa e diversa da tutti, o meglio... è così che gli altri la fanno sentire. È sola e ha paura di esserlo per sempre, ma un giorno alla sua porta si presenta Cedric, un ragazzo pronto ad aiutarla. Riuscirà a fidarsi di lui?

RECENSIONE


Jennifer è una ragazza all'ultimo anno delle superiori. Tre anni prima è successo qualcosa che l'ha costretta per lungo tempo a letto e l'ha allontanata dalla sua passione più grande.
Una volta tornata a scuola dopo quel brutto incidente, è costretta a subire le prese in giro e gli scherzi dei suoi compagni, specialmente da quel gruppetto di ragazze che si divertono a prendere di mira chi non è come loro. Ma forse qualcosa cambierà la quotidianità, perché a volte basta poco per affrontare meglio la giornata.

All'inizio del romanzo, la storia di Jennifer mi incuriosiva. Volevo sapere cosa la rendesse così taciturna e diffidente. Purtroppo devo ammettere che tale scoperta si è rivelata un po' misera: mi aspettavo qualcosa di molto peggio.
La storia è strutturata come un diario, anche se non appaiono date o simili, gli avvenimenti sono tutti ravvicinati e il narratore è in prima persona.
Per tutta la durata della storia Jennifer continua a sottolineare quanto non sopporti le prese in giro dei compagni e, dopo che racconta dell'incidente a Cedric, anche di quanto senta la mancanza di quella passione che le è stata portata via. Tutto questo l'ho trovato un po' ripetitivo.
La lettura scorre veloce e sono inseriti termini e frasi tipiche degli adolescenti.
E' un romanzo che consiglierei ad un pubblico più giovane di me, perché non è affatto difficile e magari la storia incuriosisce di più.
Io personalmente l'ho trovata ripetitiva e povera di contenuto, nonostante l'autrice volesse mettere in luce l'importanza di parlare del bullismo e le possibili cause della timidezza.

Ringrazio l'autrice per avermi dato la possibilità di leggere e recensire il suo romanzo.


Voto
★★✰✰✰

Nessun commento:

Posta un commento