mercoledì 25 febbraio 2015

Recensione film: Selma - La strada per la libertà

Buon pomeriggio!
So di essere sparita per diversi giorni, ma ho avuto un sacco di impegni che mi hanno del tutto privata del tempo libero. Ora per fortuna sono riuscita a sedermi con calma al computer e vorrei proporvi la recensione di un film uscito questo mese nelle sale e che fortunatamente sono riuscita a vedere!
Prima di iniziare vorrei dirvi che sono davvero rimasta stupida vedendo che nella sala non c'erano altri adolescenti se non io e la persona con cui ero.
Iniziamo!


Regia: Ava DuVernay
Cast: David Oyelowo, Tom Wilkinson, Tim Roth e tanti altri...
Genere: Drammatico/Biografico
Durata: 128 minuti
Anno: 2014


TramaAmbientato negli Stati Uniti, durante la presidenza Johnson, il film racconta la marcia di protesta che ebbe luogo nel 1965 a Selma, Alabama. Guidata da un agguerrito Martin Luther King, questa contestazione pacifica aveva lo scopo di ribellarsi agli abusi subiti dai cittadini afroamericani negli Stati Uniti e proprio per la sua natura rivoluzionaria venne repressa nel sangue.



RECENSIONE


E' stato il mio primo film di questo genere, escludendo Il giorno più lungo che è un film storico riguardante lo sbarco in Normandia. 
Ho guardato Selma per puro interesse. Amo la storia, ma sfortunatamente non conosco troppo bene quella contemporanea!
Avevo grandi prospettive, vedendo già dal trailer che questo film ha vinto diversi premi, ma sono rimasta leggermente (ma poco poco) delusa guardando tutte quelle parti di discorsi.
Avrei preferito un po' più di azione, anche un minimo, perché oltre agli spostamenti di King e le marce, non c'è nulla. Capisco che è un fatto storico e che bisogna mostrarlo per com'è stato, capisco i discorsi che aiutano a dare un senso a tutto, ma in certi punti l'ho trovato un pochino noioso.
Il finale mi è piaciuto, simile un po' a quello di American Sniper, anche se in contesti molto diversi.
Mi è piaciuto vedere che cosa sono diventate in seguito le varie persone (sostenitori di King e non) e non mi sono dispiaciuti affatto i titoli di coda, con tutte le immagini tratte dal film con i vari nomi.
Sempre meglio di vedere una lunga lista, per di più quasi illeggibile, su sfondo nero.
Non è un film che riguarderei, o per lo meno lascerei passare un po' di tempo, ma mi è piaciuto e ora so qualcosa in più di quel grande periodo che ha portato tanti cambiamenti.


Voto
★★★★✰

4 commenti:

  1. Mmmh... volevo vederlo il più presto possibile. Dopo la tua recensione non saprei :/ darò la precedenza a qualche altro film :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, se sei tanto interessata o amante dell'argomento, ti consiglio di andarlo a vedere!
      In caso contrario potrai sempre recuperarlo più avanti.
      Non è un pessimo film, anzi, a me è piaciuto ma non bisogna aspettarsi un film pieno di colpi di scena o che tenga tutti sulle spine.

      Io devo ancora recuperare un sacco di film, ma ce la faro! :)

      Elimina
  2. L'ho trovato molto molto lento! Bellissima Glory e meritatissimo l'Oscar per questa canzone :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, quella canzone è qualcosa di meraviglioso! Ogni tanto mi ritrovo a canticchiarla...
      Sì, un po' lento lo è, ma la colpa è da attribuire ai discorsi. Pensandoci, però, senza di essi non si capirebbe niente nè della storia nè dell'ideologia di Martin L. King!

      Spesso fanno il confronto con Lincoln, ma non l'ho mai visto quindi non posso giudicare.
      A me è piaciuto in fin dei conti, un cast non troppo eccezionale ma che va bene :)

      Elimina