martedì 13 gennaio 2015

Recensione film: American Sniper

Buon pomeriggio, miei cari!
Finalmente ho visto American Sniper al cinema, un film uscito questo mese che mi attirava tantissimo. Non ero l'unica a pensarla così, perché la sala era piena!
Ho letto tanti pareri contrastanti e non so cosa sia passato per la mente a quelle persone uscite prima e dopo di me dalla sala, ma vorrei dare una mia opinione personale.



Regia: Clint Eastwood
Cast: Bradley Cooper, Sienna Miller, Kyle Gallner e tanti altri...
Genere: Biografico/Guerra
Durata: 132 minuti
Anno: 2014

Trama: Chris Kyle, texano che cavalca tori e non manca un bersaglio, ha deciso di mettere il suo dono al servizio degli Stati Uniti, fiaccati dagli attentati alle sedi diplomatiche in Kenya e in Tanzania. Arruolatosi nel 1999 nelle forze speciali dei Navy Seal, Kyle ha stoffa e determinazione per riuscire e ottenere l'abilitazione. Perché come gli diceva suo padre da bambino lui è nato 'pastore di gregge', votato alla tutela dei più deboli contro i lupi famelici. Operativo dal 2003, parte per l'Iraq e diventa in sei anni, 1000 giorni e quattro turni, una leggenda a colpi di fucile. Un colpo, un uomo. Centosessanta uomini abbattuti (e certificati) dopo, Chris Kyle torna a casa, dalla moglie, dai bambini e dai reduci, a cui adesso guarda le spalle dai fantasmi della guerra del Golfo. Una dedizione che gli sarà fatale. 

RECENSIONE


Questo film ha attirato la mia attenzione fin da subito. Guardando il trailer sentivo come un richiamo, "guardami, guardami..." e alla fine sono andata a vederlo.
E' basato su una storia vera ed è tratto dall'omonima autobiografia di Chris Kyle.
Lo definirei un film reale e crudo, per niente drammatico.
Questo per me è stato un punto a suo favore, perché anche un solo pizzico di drammaticità strappalacrime  l'avrebbe reso diverso.
Questo cecchino non ha mai creduto di essere così straordinario, così leggenda come tutti gli dicevano. Lui semplicemente faceva quello che doveva fare.
I sentimenti e le riflessioni sono quasi del tutto assenti, punto a favore o a sfavore non saprei, ma penso che per un soldato, in guerra non c'è nessuna tregua.
Non mi è scesa nemmeno una lacrima, anche se qualche scena forte c'è.
Clint Eastwood ha dato il meglio come sempre e con questo film non ci sono state omissioni o dubbi su alcuna cosa. Tutto è lineare e reale, perché alla fine è quello che tantissime persone vivono ogni giorno.
Devo aggiungere che l'attore Bradley Cooper assomiglia tantissimo al vero Chris Kyle! La cosa mi ha in qualche modo stupita, perché non sempre gli attori assomigliano alle persone reali che interpretano, anche in film di questo genere.
Se non l'avete ancora visto, trovatevi uno spiraglio di tempo libero e correte al cinema!


Voto
★★★★★

2 commenti:

  1. Mi ispira moltissimo! Purtroppo, però, non ho avuto ancora occasione di vederlo... Devo assolutamente recuperarlo!

    RispondiElimina