domenica 28 dicembre 2014

Recensione Film: Sole a catinelle

Buona sera! Con la pancia piena di pandoro e panettone, sono pronta per una nuova recensione! (viva le rime!)
Come avete passato il Natale? Vi siete divertiti?
Io ho guardato qualche film, anche se aspetto ancora con ansia Mamma ho perso l'aereo, perché senza quello non può esserci aria natalizia!
Oggi vi propongo la recensione di un film che mi è capitato di vedere ieri sera, per puro caso.

Regia: Gennaro Nunziante
Cast: Checco Zalone, Robert Dancs, Miriam Dalmazio e molti altri...
Genere: Commedia
Durata: 90 minuti
Anno: 2013

TramaSe sarai promosso con tutti dieci papà ti regala una vacanza da sogno: è questa la promessa che Checco fa al figlio Nicolò. Fin qui tutto bene, il problema è che Checco, venditore di aspirapolvere in piena crisi sia con il fatturato che con la moglie, non può permettersi di regalare al figlio nemmeno un giorno al mare. E quando Nicolò riceve la pagella perfetta, la promessa va mantenuta. Fortuna che a Checco non manca l’ottimismo; partito con la speranza, delusa, di vendere qualche aspirapolvere ai suoi parenti in Molise, si ritrova a casa di Zoe, una ricchissima ragazza che ha un figlio proprio dell’età di Nicolò. Nasce un'amicizia tra i due bambini e Zoe "adotta" Checco e Nicolò e li fa entrare nel suo mondo: inviti a party esclusivi, bagni in piscine fantastiche e ancora yacht, cavalli, campi da golf, serate a Portofino.

RECENSIONE


Dopo aver schifato per un bel po' di tempo questo film, finalmente ho avuto occasione di guardarlo. Non sapevo niente della trama, sapevo solo che nel cast c'era Checco Zalone (so che è sbagliato giudicare dalla copertina, ma in questo caso è successo).
Inizio parlando della trama, che non mi sembra affatto adatta a un film. Non perché sia brutta, ma perché sembra che abbiano preso un film, tagliato inizio e fine e BAM!, ecco un nuovo film con solo la parte centrale. Come argomento trattato mi sembra anche un pochino povera, un semplice bambino che crede nelle promesse del padre e che alla fine, fortunatamente, ottiene ciò che desidera. 
Quello che mi sembra brutto, non solo nel film ma anche nella realtà, è che certe persone abbiano per forza bisogno del lusso per essere felici e godersi anche una semplice vacanza. Forse io sono una persona che si accontenta di poco, ma questo fatto messo su un bambino mi ha fatto riflettere. Viziare is not the way.
Apprezzo molto la comicità di Checco Zalone, che in certe scene mi ha fatto proprio ridere con le sue battute! Lo trovo una persona simpatica.
In conclusione, mi sono rilassata e ho riso con le battute all'interno del film, ma non mi è piaciuto molto.

Voto
★★✰✰✰

Nessun commento:

Posta un commento