lunedì 17 novembre 2014

Recensione Film: Ice Twisters

Buon lunedì!
Voglio iniziare la settimana bene, perciò dopo tanto tempo vi propongo finalmente la recensione di un film!
Ho avuto l'occasione di vederlo ieri sera, ecco di cosa si tratta...

Regia: Steven R. Monroe
Cast: Mark Moses, Camille Sullivan, Alex Zahara e tanti altri.
Genere: Fantascienza
Durata: 87 minuti
Anno: 2009

Trama: Charlie Price è uno scrittore di successo, specializzato in romanzi di fantascienza ambientati nel bel mezzo di catastrofi naturali. Durante un incontro per firmare autografi, una tempesta simile a quelle che ha descritto nei suoi libri si materializza davanti ai suoi occhi; un tornado di ghiaccio trascina con sé tutto ciò che trova sul suo cammino, per poi sparire così com'era arrivato. Due studiosi della Federal Science Foundation si interessano del fenomeno, ma Charlie scopre che la loro indagine è tutt'altro che casuale: hanno creato un marchingegno in grado di formare le nuvole, che è sfuggito al loro controllo ed è responsabile delle misteriose tempeste che si scatenano sul Paese...


Mi sono sempre piaciuti i film apocalittici, con catastrofi qua e là.
Non ne avevo mai sentito parlare prima, ma già dalla trama questo film mi ispirava.
Devo dire che è coinvolgente, ma niente di che.
Si vede la finzione in molte scene, non è realistico quanto mi aspettavo, ed è un punto che lo penalizza molto.
Se guardo un film di questo genere, sapendo che può essere pura funzione e i fatti non si verificheranno mai, devo avere l'impressione che sia vero, devo esserne impressionata. Ice Twisters non mi ha dato questa sensazione.
I personaggi sono bravi, l'interpretazione è buona (secondo il mio parere).
Tra i film rientranti in questo genere che ho visto, questo mi ha un po' delusa, ma non si possono avere sempre e solo recensioni positive, no?


Voto
★★✰✰✰

4 commenti:

  1. Una volta mi piacevano molto film di questo tipo, poi c'è stata l'inflazione e me ne sono allontanato.
    "Si vede la finzione in molte scene" e per me è motivo più che sufficiente per snobbare il film o non farmelo piacere, è come una commedia che non fa ridere, un thriller senza suspense, un horror che non fa paura, al film manca il motivo per il quale è stato girato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, molti generi cinematografici a volte precipitano in basso a causa dei registi che fanno perdere significato al film, che magari dalla trama sembrava anche bello!
      Io do una chance a tutti i film, poi valuto alla fine quanto mi sono piaciuti. Sono molto influenzata anche dal trailer, se mi piace quello c'è il 97% di possibilità che io poi guardi il film.

      Elimina
  2. Buena reseña, me gustó.
    Un abrazo.
    HD

    RispondiElimina